Elenco testi critici - L'arte frattale di Jeannette Rütsche - Sperya

Jeannette Rütsche - Sperya
The fractal self-development of Jeannette Rütsche - Sperya


This free script provided by JavaScript Kit

Jeannette Rütsche - Sperya
The fractal self-development of Jeannette Rütsche - Sperya
Jeannette Rütsche - Sperya
Jeannette Rütsche - Sperya
Vai ai contenuti

Menu principale:

Elenco testi critici

ABOUT SPERYA > Testi critici


Giuseppe Bolotta - Novembre 2015

Con questa mostra personale, trasposizione immaginifica degli antichi insegnamenti taoisti, Sperya entra nel vivo della ricerca “Essere. Il Ritorno Invisibile” nell’intento di fornire potenziali chiavi di accesso a LA VIA del Tao.

Il termine “glossario”, dal latino glossarium e dal greco γλῶσσα (glōssa: lingua), designa una nota esplicativa posta accanto ad un termine desueto, specialistico, di non immediata comprensione. D’altra parte, “Il Tao di cui si può parlare non è l’eterno Tao”, recita il verso con il quale si apre il Tao Tê Ching, uno dei testi fondativi del Taoismo.
L’esposizione “Il Ritorno Invisibile – Glossario” annuncia quindi, sin dal titolo, la portata paradossale e apparentemente contraddittoria del progetto artistico di Sperya: offrire una possibilità di esperienza del Tao, per definizione inafferrabile, impronunciabile e inesplicabile.
Il problema della “traduzione” dell’antica filosofia cinese assume particolare salienza in rapporto all’osservatore occidentale. .....


Chiara Cinelli - Novembre 2015

Nel contesto del percorso artistico-filosofico denominato “Il Ritorno Invisibile”, la sezione “GLOSSARIO” rappresenta la naturale risposta a un’intima esigenza che l’artista Jeannette Rütsche Sperya ha maturato in anni di appassionata e infaticabile ricerca. Addentrandosi nello studio dell’antico pensiero cinese, l’artista ha sperimentato l’insufficienza dello schema semiotico significato-significante nella comprensione ed espressione delle parole simboliche che compongono i testi classici taoisti, arrivando a sentire, con sincera intenzionalità, il bisogno di trasporle in codici visivi. .....


Sabrina Falzone - Novembre 2015

Jeannette Rütsche Sperya è un’artista ispirata: l’antica filosofia cinese taoista ha influenzato significativamente il suo percorso artistico, umano ed esistenziale al punto da confluire e concretizzarsi nel progetto espositivo “Glossario”.

Per comprenderne appieno l’essenza filosofica unitamente all’ideologia estetica, l’approccio alla ricerca artistica di Sperya necessiterebbe di una preliminare liberazione dalle sovrastrutture mentali, peraltro fittizie e fuorvianti, nelle quali trovano rifugio i costumi dell’odierna società occidentale. .....


Giuseppe Bolotta - Settembre 2013
L’accesso allo spazio museale speryano promuove nel visitatore un’esperienza di forte discontinuità: spaziale, temporale e dell’io. .....

Chiara Cinelli - Settembre 2013
Siamo fatti di Cielo e di Terra, siamo Uomini.
La chiave di accesso all’opera di Jeannette Rütsche Sperya risiede in questa constatazione semplice quanto ricca di implicazioni. E qui troviamo anche la ragione di quella segreta seduzione che le sue opere emanano, irretendo lo sguardo dell’osservatore e catapultandolo in uno spazio-tempo sospeso in un’inedita attesa di qualcosa che c’è già. .....

Francesca Bianucci - Settembre 2013
Non è semplice condensare in un breve testo la ricerca artistico-filosofica di Jeannette Rütsche Sperya e quella ricchezza di contenuti e di stimoli offerti alla riflessione, rappresentati appieno in questa mostra personale ospite dello storico Museo Diocesano di Mantova.
La prima considerazione che nasce osservando le opere dell’artista è l’insufficienza delle tradizionali categorie di lettura  per decodificarne il senso .....

Roberto Brunelli - Settembre 2013
Quando Jeannette Rűtsche Sperya me ne ha parlato, non avevo idea di che si trattasse; anzi neppure sapevo che esistesse una “geometria frattale”. Ora, malgrado le sue appassionate spiegazioni, non sono certo di averla compresa; ma almeno ho trovato esplicativa conferma di un concetto non facile da afferrare: l’unità del reale. .....

Luca Martelli - Maggio 2013
Vedo il fluire del tempo
per forme e archetipi .....

Giorgio Di Genova - Dicembre 2011
La svizzera Jeannette Rütsche, sempre alla ricerca del suo mondo interiore (Sperya), dopo esperienze di pittura su cartone e legno, disegno, fotografia anche di reportage e molti viaggi per il mondo, è giunta all'arte frattale .....

Giuseppe Bolotta - Dicembre 2011
Il tentativo di "raccontare" il percorso di ricerca artistico di Jeannette-Sperya confligge intrinsecamente con la proprietà saliente della sua produzione: il suo essere assieme immanente e trascendente. Profondamente ancorata alla fenomenologia dell'esperienza umana prima, cosmologica poi, l'arte di Sperya si rivolge al contempo all'impronunciabile, al non verbalizzabile, all'attimo fondativo del sentire e dell'esistere, antecedente il pensiero. Ad una dimensione (a)temporale e (a)spaziale, che condensa in sè la molteplice potenzialità del creare, prima ancora che l'intuizione creativa si traduca in una delle possibili morfologie specifiche. .....

Chiara Cinelli - Gennaio 2011
All'origine della ricerca artistica di Sperya vi è un'instancabile volontà di esplorazione dei meandri della condizione umana, del labirintico groviglio della nostra interiorità e di quei complessi meccanismi che sottendono alle nostre scelte e che ci identificano. Fino alla fine del 2008 il suo viaggio si sviluppa intorno a questi presupposti di indagine .....

Premio della Qualità Creativa in Fotografia Professionale nazionale - Giugno 2008
Sottile, elegantissima, diretta ma misteriosa .....

Sabrina Falzone - Aprile 2008
Sull'onda di fulgide vibrazioni sonore, la monumentale silenziosità dello spirito s'impadronisce dell'indagine visiva, perpetrata con indomabile sapienza psicoanalitica da Jeannette Rütsche - Sperya, pluriconfermata artista d'oltralpe .....

Luciano Lepri - Agosto 2007
In questi originali lavori, che la sensibile artista svizzera realizza con la geometria frazionaria elaborata mediante l'uso di apparecchiature digitali, si coglie tutta una intensa ricerca formale e sostanziale .....

Roberta Fiorini - Aprile 2007
Il primo incontro con il suo lavoro d’artista risale ad alcuni anni fa nell’ambito di una grande collettiva concertazione di opere in Toscana, a Certaldo, dove tra pittura, scultura, grafica ed installazioni, le sue emergevano per l’assoluta, elegante, ed anche un po’ inquietante, indipendenza .....

Galleria d'Arte III Millennio - Marzo 2007
Si vuole premiare lo studio scientifico applicato alla ricerca filologica. In questo tipo di espressione artistica prevale il contenuto .....

Luciano Lepri - Febbraio 2006
Tra accenni di figurazione e quasi pura astrazione si sviluppa e cresce, la poetica di questa interessante artista, svizzera di nascita ma italiana di adozione .....

Cristina Trivellin - Settembre 2005
Artista - nell'accezione classica e un po' anacronistica del termine - è colui che "usa" la materia: plasma, modella, fonde, compone, assembla, taglia. Tocca .....

Donat Conenna - Marzo 2005
Jeannette Rütsche, Zurigo 1961, è in arte Sperya, operatrice nata da padre tedesco e madre toscana. Cioè da una esplosione di fantasia e razionalità .....

Chiara Cinelli - Maggio 2004
"Il mondo lontano è la nostra interiorità, universo unico per definizione e costituzione che ci identifica e che è visibile solo a noi stessi nella sua interezza."
Così Jeannette Rütsche, in arte Sperya, definisce con chiarezza e sinteticità l'oggetto della sua esplorazione artistica .....

Immagini pubblicate in questo sito © Jeannette Rütsche - Sperya, Milano
Images displayed on this site © Jeannette Rütsche - Sperya, Milan (Italy)
Images © Jeannette Rütsche - Sperya, Milan (Italy)
Images © Jeannette Rütsche - Sperya, Milan (Italy)
Images © Jeannette Rütsche - Sperya, Milan (Italy)
Torna ai contenuti | Torna al menu